giovedì 30 agosto 2012

8. Viaggio dentro il Quadro : Campo di sangue 3. Caro Gesù di Albino Gesù

24 di 45
23 di 45
22 di 45
3. Caro Gesù


Insieme al cuore, brilla in Te l'intelligenza pratica.


Hai puntato all'interno, intanto. C'erano le facce dei Farisei smunte per i prolungati digiuni religiosi e Tu : "Non ni piacciono quelle facce; il cuore di quegli uomini è lontano da Dio; è l'interno che preme, il cuore è metro per giudicare; dal di dentro, dal cuore degli uomini escono i cattivi pensieri: dissolutezze, latrocini, assassinii, adulteri, cupidigie, orgoglio, stoltezza".

Avevi orrore delle parole inutili: "Sia il vostro parlare: sì, sì; no, no; quello che c'è di più deriva dal male. Quando pregate, non moltiplicate le parole".

Volevi la concretezza e il riserbo : "Se digiuni, profumati la testa e lavati il volto. Se fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra quello che fa la destra". Al lebbroso guarito hai raccomandato: "Non dirlo a nessuno". Ai genitori della ragazza risuscitata hai comandato con forza che non andassero a suonare la tromba sul miracolo avvenuto. Solevi dire: "Non cerco la mia gloria. Cibo, per me, è fare la volontà del Padre mio".

Dalla Croce, concludendo la tua vita, hai detto. "Tutto è compiuto", ma sempre avevi tenuto a che le cose non fossero fatte a mezzo. Gli Apostoli Ti avevano suggerito: "La gente ci segue da tempo, rimandiamola a mangiare a casa sua", ma Tu: "No, diamole noi da mangiare". Finito il pasto dei pani e dei pesci moltiplicati, hai aggiunto: "Raccogliete gli avanzi, non è giusto che vadano a male".

Il bene lo volevi fatto fino al dettaglio. Risuscitata la figlia di Giairo, hai raccomandato: "Adesso date da mangiare a questa figliuola". La gente proclamava di te: "Ha fatto bene tutte le cose!".

Albino Luciani
(3.Continua)

Stefano Armellin
(8. Continua)

Pompei, giovedì 30 agosto 2012